«...Ramezan e Piri riescono ad affascinare il pubblico con uno stile di gioco altamente concentrato e dal suono nuovo. Non ci sono i pianisti seduti al pianoforte a coda che svolgono regolarmente il programma, ma i ricercatori che percorrono il programma con occhi aperti, dita agili e passo leggero, senza paura, ma sempre con il massimo rispetto per sfidare il pubblico al massimo applausi dopo ogni lavoro. E non fanno mistero del genio di cui è afflitto Fazil Say quando hanno impostato il suo pezzo a quattro mani « Night » come momento clou della serata.»

(M. Zerban, O - Ton)

Divan Duo, il duo pianistico interculturale di Layla Ramezan e Nazanin Piri, sono entrambi iraniani e condividono la passione per la musica per pianoforte a quattro mani, del presente e del passato, nota e meno conosciuta.

Layla e Nazanin hanno vissuto e studiato in Francia e Germania. Entrambi si sono stabiliti in Svizzera per motivi diversi ed è qui che allora i loro percorsi  incrociato.

Insieme, sono in armonia con le culture dell'est e dell'ovest e vivono questa armonia interculturale nella musica.

Layla  Ramezan si esibisce regolarmente in Francia e Svizzera, così come in molti luoghi più lontani come il Collège des Bernadins di Parigi, la Carnegie-Mellon University di Pittsburgh, la Victoria Hall di Ginevra, la Royal Irish Academy di Dublino, l'Aga Kahn Museum di Toronto, la Roodaki Hall a Teheran, Hafez Hall a Shiraz, e nei maggiori festival come l'Athénéennes di Ginevra, la Schubertiade di Sion e l'Alba Music Festival in Italia. I suoi concerti sono stati trasmessi su Radio France, RFI, Radio Suisse Romande, NPO Radio Netherlands e CBC Radio Canada, WDR e Deutschlandfunk.

 

Insieme ai suoi progetti da solista, Layla ha avuto il privilegio di lavorare con molti musicisti di spicco come William Blank, Helmut Deutsch, Jean-Claude Pennetier e Philippe Albera e si è esibita con Jean-Marc Luisada, Eliane Reyes, Christophe Beau, Brigitte Balleys e Trio Chemirani. Ha anche lavorato a stretto contatto con compositori come Tristan Murail, Luis Naon, Nicolas Bolens e Michael Jarrell.

 

Layla sta attualmente preparando una serie di CD in quattro parti per l'etichetta Paraty Records/Hamonia Mundi per il suo progetto, 100 years of Iranian Piano Music, che sarà distribuito da Harmonia Mundi. Il primo CD di questo quartetto «  Compositori iraniani dal 1950  » è uscito a gennaio 2017 e il secondo volume «  Sheherezade di Alireza Mashayekhi  » a maggio 2019.

Layla ha iniziato i suoi studi di pianoforte a Teheran prima di trasferirsi a Parigi nel 2000 per studiare all'École Normale de Musique de Paris “Alfred Cortot” con Jean Micault e Devi Erlih. Ha inoltre studiato con Jacqueline Bourgès-Maunoury e Christophe Bukudjian al Conservatoire National de Saint-Maur des Fossés, dove ha conseguito un diploma di Studi Musicali con lode. Successivamente si è trasferita a Losanna dove attualmente vive, ottenendo due master in Interpretazione e Piano Collaborativo presso l'Haute École de Musique con Christian Favre e Marc Pantillon.

 

È laureata della Fondazione Engelberts per l'arte e la cultura in Svizzera e della Fondazione Albert Roussel in Francia.

 

 

Nazanin Piri , nato a Teheran, ha studiato pianoforte all'Università di Musica di Lubecca nella classe del Prof. M. Fock. Nel 2010 ha completato i suoi studi magistrali presso l'International College of Music di Amburgo e in musicologia presso la Free University Berlin. Ha studiato con famosi pianisti come Maxim Philipov, Konstanze Eickhorst, Heidrun Holtmann, Peter Feuchtwanger, Ludwig Pflanz, Anthony Spiri e Herbert Wiedemann. Attualmente continua gli studi nella classe della Prof.ssa Marisa Somma. 

La collaborazione con il compositore Friedhelm Döhl ha influenzato la sua vita musicale, al quale sente ancora un legame sin dagli studi delle sue "Tre ballate di Paul Celan". Esegue regolarmente le sue opere, recentemente per la Förderkreis für Neue Musik nella "Pyramid Hall" di Heilbronn. È plurivincitrice di "Jugend musiziert" a livello nazionale. 

Come solista e camerista, ha tenuto numerosi concerti con la violinista Fiona Rholffs in Germania e Francia,  con l'ensemble SARGO in Swirzerland, con il coreografo Modjgan Hashemian durante l'inaugurazione della mostra Emil-Nolde nel 2010. Nel 2013, poco dopo il suo recital di pianoforte al Chilehaus di Amburgo, la sua prima registrazione su CD è stata pubblicata su Veraphone. Attualmente è flautista e pianista per l'Elias Nardi Ensemble e si esibisce regolarmente in concerti in Italia, Germania, Romania, Belgio e Svizzera. Nel 2015 esce il suo secondo album "Flowers of Fragility" prodotto da Analogy Records. Nella rassegna "Naked Jazz" (Milano) "Jazz Nouveau" (Bucarest) e Ambria Jazz Festival ha condiviso il palco con musicisti di spicco come Max de Aloe, Daniele di Bonaventura, Ares Tavolazzi, Franco Baggiani, Ermanno Librasi, Emanuele Le Pera, Max Pizio e Claudio Farinone e Max Pizio. Nel novembre 2017, il Gruppo Elias Nardi è stato in tournée con la leggendaria bassista jazz italiana Ares Tavolazzi in Germania, dove sono stati suonati i suoi arrangiamenti e le sue opere.

Dal 2018 insegna pianoforte al conservatorio di Berna. Con la sua classe, ha recentemente lavorato su opere contemporanee dei compositori bernesi l'art pour L'aar. Dal 2019 studia composizione nella classe del Prof. Daniel Glaus.

MAGGIORI INFORMAZIONI
png-clipart-flag-of-the-united-kingdom-e
italy.png